PROCEDURE DEI RECLAMI E VALUTAZIONE DEL SERVIZIO

1. I reclami possono essere espressi in forma orale, scritta, telefonica via fax e devono contenere generalità, indirizzo e reperibilità del proponente.

2. I reclami orali e telefonici devono, successivamente, essere sottoscritti.

3. I reclami anonimi non sono presi in considerazione, se non circostanziati.

4. Il Capo d'Istituto, dopo aver esperito ogni possibile indagine in merito, risponde, sempre in forma scritta, con celerità e, comunque, non oltre quindici giorni, attivandosi per rimuovere le cause che hanno provocato il reclamo.

5. Qualora il reclamo non sia di competenza del Capo d'Istituto, al reclamante sono fornite indicazioni circa il corretto destinatario.

SERVIZI DI SEGRETERIA

 Le iscrizioni si effettuano nei tempi e nei modi stabiliti dalle norme vigenti in materia.

 I certificati di iscrizione e di frequenza vengono rilasciati al momento, compatibilmente con le esigenze degli Uffici di Segreteria.

 L’ufficio del Dirigente Scolastico è a disposizione del pubblico previo appuntamento.

 L’informazione è garantita nel seguente modo : avvisi circolari, avvisi pubblicati sul sito della scuola (http://www.iccontursiterme.it), comunicazioni ai genitori attraverso gli alunni.

 All’ingresso dell’Istituto Comprensivo sono sempre presenti operatori scolastici per fornire all’utenza le prime informazioni.

 Il personale di segreteria assicurerà compatibilmente con le esigenze di servizio la presenza di almeno una unità durante le riunioni collegiali.

 Nominativi, ruoli e mansioni del personale amministrativo e dei collaboratori scolastici, nell’ottica dell’ottimizzazione del rapporto con l’utenza, sono indicati su appositi cartellini identificativi ben visibili.

DISCIPLINARE INERENTE I VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE

Per la realizzazione delle uscite didattiche e dei viaggi d’istruzione, fatte salve le specifiche condizioni previste dalla normativa vigente e la competenza degli altri Organismi Collegiali per i viaggi di più giorni e oltre le distanze evidenziate nello specchietto, si stabiliscono i seguenti criteri:

 Finalità

I viaggi di istruzione e le visite guidate, nella loro articolata tipologia, costituiscono un’integrazione della normale attività scolastica sul piano della formazione generale della personalità degli alunni come su quello più strettamente didattico-culturale. Pertanto, dovranno inserirsi nello spirito e nelle attività programmate dal Collegio dei Docenti e dai Consigli di Classe ed Interclasse, nel rispetto di quanto disposto dal T.U. D.L. n. 297 del 16.04.1994 e dalle disposizioni ministeriali vigenti in materia.

Tipologia dei viaggi

Ai fini di un'univoca interpretazione, si individuano le seguenti tipologie di viaggi:

1. Uscite sul territorio comunale e provinciale. Si effettuano nell'ambito dell'orario di lezione.

2. Visite guidate. Si effettuano, nell'arco di una sola giornata, presso complessi aziendali, mostre, monumenti, musei, gallerie, località di interesse storico - artistico, parchi naturali, spettacoli teatrali e concerti.

3. Viaggi di istruzione. Si effettuano nell'arco di uno o più giorni.

4. Viaggi connessi ad attività sportive. Per quanto riguarda le voci 1-4 le uscite verranno definite in sede di programmazione del Consiglio di classe/interclasse. Viaggi e visite guidate sono vietate nell'ultimo mese di lezione (ad eccezione di quelli collegati con l'educazione ambientale o ad attività sportive) e nei giorni di scrutini. In merito alla sicurezza, quando possibile, dovrebbero essere evitate le visite nei giorni prefestivi. Nel corso dell’anno scolastico ciascuna classe non potrà superare il numero massimo di 4/5 giorni da dedicare a visite guidate, viaggi d’istruzione. Condizioni essenziali per l’attuazione dei viaggi d’istruzione Sarà compito dei singoli Consigli di classe e interclasse stabilire in primo luogo l’idoneità della classe e dei singoli alunni a partecipare a viaggi d’istruzione e visite guidate, tenendo principalmente conto del corretto comportamento e del costante interesse per le attività didattiche mostrate nel corso dell’anno scolastico. E' opportuno che alle visite guidate partecipino alunni della stessa fascia di età.. Per i viaggi d’istruzione è necessaria la partecipazione di almeno 2/3 degli alunni di ogni classe. Il Consiglio d’Istituto si riserva di vagliare eventuali giustificati motivi di non partecipazione (medici o religiosi).

Accompagnatori

Gli accompagnatori degli alunni sono i docenti proponenti (di classe o di modulo); il numero di accompagnatori dovrà essere di almeno uno ogni 15 alunni; per gli alunni certificati si provvederà in base alla gravità della menomazione (vedi allegato). Per i viaggi di più giorni è richiesta la presenza di due docenti della classe (preferibilmente il coordinatore più un altro docente); sentito il parere del Consiglio di classe o interclasse è ammessa la partecipazione dei genitori degli alunni o del personale della scuola senza onere a carico dell'Amministrazione, con l'impegno degli stessi a partecipare alle attività.

Mezzi di trasporto

E' consigliabile usufruire dei mezzi di trasporto pubblico, pullman o treno.

Documentazione

Dopo il primo Consiglio di Classe/Interclasse, comunque entro il mese di novembre/dicembre, è necessario far pervenire al referente il piano gite contenente tutte le uscite da effettuare durante l’anno scolastico.

Viaggi di istruzione

I docenti che intendono effettuare un viaggio di istruzione dovranno far pervenire all'Ufficio di segreteria, almeno due settimane prima dell’effettuazione dello stesso, quanto segue:

- programmazione educativo-didattica del viaggio;

- giorno, meta, percorso;

- numero dei partecipanti, compresi gli accompagnatori, e mezzo di trasporto che si intende usare;

- orario di partenza e presunto orario di arrivo;

- docente responsabile dell'organizzazione;

- assenso scritto dei genitori degli alunni; Visite guidate e occasionali all'interno dell'orario di lezione (anche di un gg.)

- progetto di inserimento della visita guidata nella programmazione educativo - didattica;

- giorno, ora, meta e percorso;

- mezzo di trasporto che si intende usare;

- docenti interessati;

Autorizzazioni

I viaggi di Istruzione e le visite guidate saranno autorizzati dal Consiglio di Istituto Le visite occasionali, al di fuori di quelle preventivate nel piano gite, saranno autorizzate dal Dirigente Scolastico, previa verifica di coerenza con gli obiettivi del POF..

 Tempistica viaggi istruzione

 Una volta acquisite le proposte entro il mese di dicembre e definita la meta, entro il 20 febbraio gli alunni delle classi interessate che intendono partecipare al viaggio di istruzione ( che deve rappresentare almeno i 2/3 dei frequentanti la classe), dovranno versare il 50 % del costo previsto o presunto a titolo di acconto, insieme all’autorizzazione dei genitori. Il viaggio si svolge, di norma, nel mese di aprile-maggio. Il ruolo del coordinatore di classe, nell’ambito di tale organizzazione, sarà fondamentale e dovrà garantire un’adeguata informazione agli alunni e alle famiglie delle iniziative in corso.

 Per ogni visita deve essere presentata, in sede di Consiglio di Classe, una relazione didattica ed il programma dettagliato, nonché indicazione degli accompagnatori (scelti tra i docenti delle discipline attinenti alla visita) e della data (presumibile) del viaggio; Nel corso del corrente anno scolastico i docenti e gli alunni delle scuole dell’I. C. sono autorizzati a realizzare, compatibilmente con le risorse economiche, visite guidate a scopo istruttivo, ritenute utili per la realizzazione dei percorsi formativi indicati nelle Progettazioni delle attività didattiche ai vari livelli.

Premesso che i viaggi d’istruzione non hanno finalità ricreative e di evasione dagli impegni scolastici, ma costituiscono iniziative complementari delle attività istituzionali della scuola, i consigli di classe dovranno scegliere tra le diverse tipologie:

 viaggi di integrazione culturale;

 visite guidate che si effettuano nell’arco di una sola giornata presso complessi aziendali, mostre, monumenti, musei, gallerie, parchi naturali, località d’interesse artistico etc;

 viaggi connessi ad attività curricolari. A l termine della visita, il delegato del Preside, presenterà agli organi collegiali una relazione sull’andamento del viaggio tenendo conto anche di eventuali inconvenienti verificatisi. L’interesse ed il comportamento degli alunni andrà a costruire elemento di valutazione finale.

RISORSE DELLA SCUOLA

Risorse interne: Scuola Materna

 mensa scolastica

 spazi strutturati e non

 impianti audiovisivi

Risorse interne: Scuola Elementare / Scuola Media

 biblioteca di classe

 palestra coperta

 campo esterno di pallavolo, pallamano, calcetto

 impianti audiovisivi

 aula P.C.

 lavagna luminosa

 fotocopiatrice

 biblioteca di classe

 biblioteca docenti

 laboratorio multimediale

 palestra coperta

Risorse esterne:

 Biblioteca Comunale

 campo sportivo

 centro sportivo.